Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

#arteculturabenicomuni - Giuseppefraugallery e la Scuola Civica Arte Contemporanea aderiscono alla Campagna del Forum dell’arte contemporanea italiana

Alla luce della situazione estremamente critica in cui versano le arti visive, finora ignorate nelle misure del Governo, il Forum dell’arte contemporanea italiana lancia la campagna #arteculturabenicomuni. In un momento in cui le più autorevoli voci internazionali invocano per l’Italia un New Deal per la Cultura, realizziamo con sconcerto che la direzione presa è quella opposta. Una società che non sostiene l’arte e la cultura si priva della creazione di una visione collettiva da cui non si può prescindere nel processo di ricostruzione che stiamo attraversando. Sulla base della paralisi e chiusura di centinaia di spazi artistici e culturali, dell’assenza di riconoscimento giuridico dell’artista, della precarietà del lavoro nell’arte, della crisi che ha investito l’intero comparto, abbiamo invitato gli spazi del contemporaneo a unirsi in un intervento collettivo per portare all’attenzione dell’opinione pubblica e degli organi governativi una condizione non più sostenibile.

Ultimi post

Speculum naturale (Specchio della Natura) / Speculum historiale (Specchio della Storia). Intervento ambientale del collettivo Giuseppefraugallery sulla Villa Stefani nel villaggio minerario Normann

Lezioni Aperte /L4 - VIETATO AI MINORI. Lo sguardo della pornografia nell'arte contemporanea, e viceversa.

Aiutaci a mantenerla libera, gratuita e indipendente: SOStieni la Scuola Civica Arte Contemporanea.

Eleonora Di Marino al Museo Nivola - Back_Up|Giovane arte in Sardegna

Avere cura di un territorio - Intervento di Giuseppefraugallery al Forum dell'arte contemporanea 2020

Riccardo Oi _ ONLINE The Love Thyself Conference: Desires, Pleasures & Intimacy

Giuseppefraugallery c/o STAND-BY - La vita al tempo del corona virus

Giuseppefraugallery al tempo del Covid-19

Giuseppefraugallery c/o i Luoghi del Contemporaneo del MiBACT

Un'opera di Eleonora Di Marino acquistata dal Museo Nivola